Perché bisogna smettere di informarsi dai telegiornali

Sia chiaro non ti sto dicendo che devi smettere di informarti, ma soltanto consigliando di cambiare la modalità di assorbire le informazioni. Siamo nel 2020, ci sono diversi modi per informarsi come ad esempio attraverso internet (attenti però alle fake news).

MA PERCHÈ TI DICO QUESTO?

Semplicemente perché i telegiornali e i giornali ti raccontano ciò che vogliono e come vogliono soprattutto.

Di cosa parlano?

Parlano di attentati terroristici, suicidi, omicidi, epidemie ma potrei continuare all’infinito.

Starai pensando: “sì, ma dovrò pur informarmi in qualche modo”.

Lo sai che in Italia gli omicidi rappresentano circa lo 0,9% delle morti e per quanto riguarda le uccisioni in Europa dovuti ad attacchi terroristici (364 tra il 2014 e il 2018) meno dello 0,01% della popolazione? Le possibilità di morire mentre si è in macchina è maggiore, tanto per intenderci.

Ogni giorno siamo bombardati da messaggi negativi facendo servizi sensazionalistici, costruendo programmi fatti sul nulla.
Sapete perché lo fanno? Perché spesso le notizie che più ci incutono paura e terrore sono quelle che attirano di più la nostra attenzione.

Più share viene fatto e più le televisioni guadagnano.

Cercate di informarvi, ma informarvi veramente.
Esistono centinaia di informazioni, magari non subito comprensibili e immediate ma sicuramente più precise e accurate di quelle che vi raccontano i telegiornali e i giornali.

Ci hanno abituati all’immediatezza delle cose e alla semplificazione di tematiche complesse, per farci digerire meglio le notizie.

Così facendo però abbiamo dimenticato cosa sia l’approfondimento di una particolare tematica.

Il mondo è un posto meraviglioso, anche se ce lo descrivono soltanto come un pianeta buio e tenebroso.

Se impariamo ad osservarlo con occhi nuovi e diversi filtrando a nostro piacimento le notizie scopriremo che è pieno di bellezza e meraviglia.


Pubblicato da Fabio

Ciao, mi chiamo Fabio! Ho venticinque anni. Vivo a Bergamo. Sono laureato in Scienze della Comunicazione. Ma cosa ci definisce per davvero? Il nostro nome? La nostra età? Il nostro luogo di nascita? La nostra qualifica? NO! Noi siamo molto di più di quelle stupide etichette. Siamo quello che più amiamo fare. Nel mio tempo libero amo: SCRIVERE LEGGERE VIAGGIARE ASCOLTARE MUSICA Si dice anche però che siamo la media delle cinque persone che frequentiamo di più. Avete un obiettivo nella vita? Tenetevi sempre strette persone simili a voi, persone positive, persone che vi amano per quel che siete, persone che vi motivano costantemente. Non è così? CAMBIATELE! If not now, when? Il successo e la felicità delle persone è data dall’ambiente che si viene a creare intorno a voi. Nasciamo in un mondo predeterminato ma abbiamo la possibilità di definire il nostro ecosistema come vogliamo, facendo delle scelte consapevoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: